Regione Lombardia

Alla scoperta della Pinacoteca di Brera

Pubblicato il 11 settembre 2018 • Cultura , DesioCittà

Aperte le iscrizioni. Sabato 13 ottobre visita guidata a uno dei più importanti musei europei che ospita una collezione straordinaria, dai capolavori del XIV secolo ai «big» del Novecento.

È una delle più importanti raccolte d’arte italiane e conta capolavori assoluti dal XIV al XX secolo: dal «Cristo morto» di Mantegna, alla «Pietà» di Giovanni Bellini, che sono esposti in un particolare allestimento ideato dal regista Ermanno Olmi.

Pinacoteca di Brera, un grande museo europeo. L'Assessorato alla Cultura, in collaborazione con la «Bocciofila Parco», promuove sabato 13 ottobre una visita guidata alla Pinacoteca di Brera a Milano, uno dei grandi musei europei, fondata nel 1776 con decreto dell'imperatrice Maria Teresa d'Austria, con una collezione straordinaria. 

Dal XIV secolo al Novecento, una collezione di capolavori. La «Pala Montefeltro» di Piero della Francesca, «Lo Sposalizio della Vergine» di Raffaello, la «Cena in Emmaus» di Caravaggio e il «Bacio» di Francesco Hayez: sono alcuni dei capolavori esposti nelle sale della Pinacoteca. Ma anche la «Cena in casa di Simone» di Veronese, il «Ritrovamento del corpo di San Marco» di Tintoretto, la «Crocifissione» di Bramantino, il «Cristo alla colonna» di Bramante, «La Pietà» di Crivelli, «Fiumana» di Pellizza da Volpedo. Insieme alle opere della «Donazione Jesi» che comprendono autori del Novecento quali Boccioni, Carrà, De Pisis, Modigliani, Morandi e Picasso. E nel cortile d’onore, statua in bronzo di Canova con «Napoleone Bonaparte come Marte pacificatore» del 1809. Senza dimenticare il complesso che ospita la Pinacoteca (insieme alla Biblioteca Braidense, l’Osservatorio astronomico, l’Orto botanico e l’Accademia di Belle Arti). Il palazzo tardo barocco, ex convento degli Umiliati e poi dei Gesuiti, fu rinnovato da Francesco Maria Richini nel 1672 con cortile, doppio scalone e loggiato, e nel 1774 da Giuseppe Piermarini su incarico di Maria Teresa d’Austria.

Iscrizioni aperte. Si parte da piazza Giovanni Paolo II (davanti al Comune) alle 14.30, mentre il rientro è previsto intorno alle 19. Il costo, 20 euro, comprende il trasporto, il biglietto di ingresso e la visita guidata. È possibile iscriversi presso l'Ufficio Cultura (piazza Giovanni Paolo II - ingresso C – tel. 0362/392.245-240 - email: cultura@comune.desio.mb.it) fino ad esaurimento posti nei seguenti orari: da lunedì a venerdì dalle 8.30 alle 12.30.